Incoterms

Incoterms, contrazione di international commercial terms è la serie di termini utilizzati nel campo delle importazioni ed esportazioni, valida in tutto il mondo, che definisce in maniera univoca e senza possibilità di errore ogni diritto e dovere competente ai vari soggetti giuridici coinvolti in una operazione di trasferimento di beni da una nazione ad un'altra.

 

 

Il trasferimento di un materiale da partenza ad arrivo può essere diviso in blocchi che coinvolgono:

  • Mittente (colui che esporta la merce)

  • Dogana nella Nazione di partenza

  • Porto o aeroporto di imbarco

  • Frontiera che può essere geografica o virtuale (porto ed aeroporto sono considerati confini di Stato)

  • Mezzo di trasporto (autocarro, treno, aereo, nave) con cui la merce viene trasferita

  • infrastrutture (porto, aeroporto, magazzino doganale) di sbarco

  • Dogana della nazione di arrivo

  • Destinatario (colui che importa la merce).

Ogni singola sigla codificata nell'Incoterms definisce chiaramente chi debba accollarsi i costi e le responsabilità per ogni parte di trasporto, per i costi doganali in partenza ed in arrivo, per i costi assicurativi. Una parte importante (spesso trascurata) è l'indicazione, dopo la sigla, del nome specifico della località geografica, della frontiera o del porto/aeroporto a cui la sigla stessa si riferisce.

I termini Incoterms sono stati ratificati dall' International Chamber of Commerce (ICC) e pubblicati originariamente in lingua inglese con traduzione autorizzata in altre 31 lingue da parte delle varie camere di commercio nazionali.

Clicca sull'immagine per visualizzare lo schema incoterms